Premio scopigno




premio scopigno

Scivaro Ormai quasi scomparso, il cognome Scivaro sembrerebbe originario di Frigento nell'avellinese dovrebbe essere molto antico e risalire all'epoca medioevale, dovrebbe derivare da un soprannome originato dal termine medioevale germanico.a.t.
Nel Condaghe di San Pietro di Silki, csps, XI, xiii secolo, compare nella variante Sella: Sella Gosantine (96 coinvolto in una compera (comporu ego apatissa Theodora, comporailis assos homines de Tigesi, et a lliueros et a servos, su saltu de Puthuruiu, etc.Scintu Scintu è tipicamente sardo, di Cabras, San Nicolò d'Arcidano, Oristano, Solarussa, Ales, Marrubiu idee regalo per 18 anni migliore amica e Siamanna nell'oristanese, di Olbia, di Cagliari e Gergei nel cagliaritano e di Sardara nel Medio Campidano, dovrebbe derivare da un soprannome basato sul termine dialettale sardo scintu ( sciolto, liberato.Risulta piu volte scritto il cognome (Sandri de Astoribus si pensa che il cognome derivi da un Alessandro Astori chiamato Sandro.(vedi anche sotera) salvaggiani salvagiani Salvaggiani, assolutamente rarissimo, potrebbe essere dell'area veneto, romagnola, Salvagiani, ormai quasi scomparso in Italia, sembrerebbe essere di origini romagnole, dovrebbe trattarsi di forme dialettali contratte derivate dal nome medioevale Salvalaglio (vedi salvalaggio troviamo tracce confezioni regalo pupa natale 2015 di queste cognominizzazioni a Forlimpopoli nel.Spissu Spissu è decisamente sardo, ha ceppi a Sassari, Giave ed Alghero nel sassarese, a Cagliari, Quartu Sant'Elena e Siurgus Donigala nel cagliaritano ed a San Gavino Monreale nel Medio Campidano, dovrebbe derivare da un soprannome dialettale, forse con il senso di taccagno, ma potrebbe.Integrazioni e stemma forniti da Marco Sorrentino - Salerno Lo stemma è stato creato agli inizi del 900 da un ramo borghese dei Sorrentino, per tale motivo va precisato che non trova alcun riscontro araldico.Seculin seculini Seculin, rarissimo, è specifico del goriziano, tra Cormons e Mariano del Friuli, Seculini è probabilmente dovuto ad un errore di trascrizione.Integrazioni fornite da Stefano Ferrazzi Salanitri e Salanitro sono tipicamente siciliani, con ceppi maggiori nel catanese, nel messinese, nell'ennese e nel nisseno, ma con probabili ceppi minori anche nel nord e centro nord del paese, Salnitri, rarissimo, si riscontra quasi esclusivamente nel Veneto, Salnitro, anch'esso.Contrate de Ardar et Meylogu; Sau Georgio, jurato ville Boon, * no (attuale).Scibetta Scibetta è tipicamente siciliano, del palermitano, del nisseno e particolarmente dell'agrigentino, dovrebbe derivare dal vocabolo arabo Scibeth ( punta, cima ma è pure possibile che derivi semplicemente dall'aferesi del toponimo Calascibetta nell'ennese.Sandra sandrella sandrelli sandri sandrin sandrini sandro sandron sandrone sandroni Sandra, estremamente raro, potrebbe essere piemontese, Sandrella è praticamente unico, Sandrelli sembrerebbe sicuramente toscano è concentrato tra Arezzo, Cortona e Firenze, Sandri è diffuso in tutto il nord, Sandrin è friulano e dell'alto veneto, Sandrini.
Di modo che io mi risolsi, che eglino m'avessino dato innuno scodellino di salsa,.".Il cognome Scanu, con le sue varianti, Scano, Iscanu, Iscano, appare con certa frequenza nei documenti antichi della lingua e della storia della Sardegna.Integrazioni fornite da Fabio Paolucci Sguerri è un cognome tipicamente toscano; è infatti in Toscana, nella provincia di Firenze e nel comune di Arezzo, che vanno individuati i due ceppi principali.Strinasacchi Strinasacchi, ormai quasi scomparso, è specifico del mantovano, dovrebbe derivare da un soprannome, originato dal termine arcaico strinare ( bruciacchiare anche forse dovuto all'operazione di strinare la peluria superficiale caratteristica dei sacchi confezionati con filati rustici e grezzi.Troviamo tracce di questa cognominizzazione tra la fine del 1500 e gli inizi del 1600 con Pietro e Domenico Sernicola torrieri (responsabili del posto di guardia della torre) di Cannetiello nella zona di Pollica (SA).


Sitemap